testata

A Roma lo Young Skal International Symposium 2015
pubblicata il 10 marzo 2015

Il turismo del domani è già arrivato e per non farsi trovare impreparati, gli operatori turistici dello Skal International Italia ospitano a Roma, dall’11 al 14 marzo, il 3° Young Skal International Symposium, uno dei tre Congressi Mondiali annuali promossi dallo Skal International insieme al Congresso Internazionale e a quello dei Consiglieri Internazionali. Il Symposium sarà articolato in una serie di Tavole Rotonde dove gli Young SKAL saranno i veri attori protagonisti e si confronteranno su temi. “Nei due giorni del Symposium – ha evidenziato Germano Gaudenzi, Vice Presidente dello Skal Roma - i 4 Focus saranno caratterizzati da un confronto costante sulla potenzialità e criticità della nuova figura del giovane imprenditore e manager del turismo sempre più iperconnesso; sulla forza del networking, sulla figura del mentoring per una costruttiva sinergia e scambio di conoscenze tra Senior e Young members e per ultimo la presenza propositiva e attiva dello Young nel mondo dello Skal International”.

Il 3° Young Skal International Symposium è stato reso possibile grazie soprattutto all’impegno del Consigliere Internazionale Antonio Percario e di Roberto Necci, Responsabile degli Young Skal di Roma, che nei Meeting internazionali di Bucharest e di Città del Messico, hanno candidato lo Skal Roma il cui presidente Augusto Minei, “guarda in particolare a tutte quelle piccole e medie aziende turistiche che vedono nei giovani una grande opportunità di crescita, di sviluppo e di costruttivo confronto”.

Un risultato che premia SKAL International Italia che “già da tempo - ha spiegato il presidente nazionale, Toti Piscopo - è impegnato a rilanciare rapporti nazionali ed internazionali per sviluppare un’alleanza strategica che consenta, nel sistema sempre più globale, di recuperare competitività ed innovazione, al servizio del sistema Italia, essendo i nostri Associati delle antenne sul territorio. I Club italiani – conclude Piscopo - operano in questa ottica”.

“Insieme ai nostri giovani ci piacerebbe costruire - ha aggiunto Augusto Minei, presidente dello Skal Roma, a cui aderisce una delle più numerose sezioni di Young Skal al mondo, - nuove strategie di crescita e sviluppo del nostro sistema turistico nazionale”. “La novità del Symposium - ha sottolineato Antonio Percario, segretario dello Skal Roma - è nel suo format che si caratterizza essenzialmente nell’ascolto delle esigenze degli Young per facilitare il confronto generazionale”.

“Per l’occasione – ha anticipato Roberto Necci, responsabile del 3° Skal International Young Symposium - sarà via Veneto, la via della dolce vita, con due dei suoi alberghi più prestigiosi a tenere a battesimo il Symposium”. Due location d'eccezione, dunque, per l’evento: l’Hotel Ambasciatori Palace di Roma che ospiterà giovedì 12 alle ore 9,00 la cerimonia di inaugurazione a cui parteciperà il Presidente mondiale dello Skal International, Salih Cene, mentre l’Hotel Savoy Roma ospiterà i seminari sul futuro del turismo mondiale e il Gala Dinner.


SKAL INTERNATIONAL ITALIA Fondata come associazione internazionale nel 1934, Skal è la più grande organizzazione di viaggi e turismo professionali nel mondo che abbraccia tutti i settori dell’industria dei viaggio e turismo. Ha sede in 5 continenti, 87 paesi e conta 22.000 membri fra albergatori e agenti di viaggio, compagnie aeree, giornalisti del turismo, accademici del turismo.
In Italia lo Skal iniziò la sua attività il 18 novembre 1942, con la costituzione del Club di Roma, 52° nel mondo. Oggi in Italia gli Skal Club sono 10 di cui fanno parte oltre 500 soci, tutti professionisti del turismo. La parola SKAL, di origine nordica, fu presa a simbolo del movimento perché i fondatori vollero ricordare l’atmosfera di cordialità e di amicizia con la quale furono accolti in un meeting organizzato in Scandinavia da alcune grandi compagnie aeree. S sta per SUNDHET (salute), K per KARLEK (amicizia), A per ALDER (lunga vita) e infine L per LYCKA (felicità).