testata

Skal Club Venezia sigla gemellaggio
con Skal Panama
pubblicata il 25 giugno 2013

Venezia - E' stata l'acqua il leit motiv della sigla del gemellaggio tra lo Skal Club di Panama e lo Skal Club di Venezia firmata nel capoluogo veneto la scorsa settimana da Armando Ballarin, presidente Skal Venezia, ed Ernesto Reina, presidente dello Skal Panama alla presenza di Marino Finozzi, assessore al Turismo della Regione Veneto, del ministro del Turismo di Panama, Salomon Shamah e di Karine Coulanges, vice presidente Skal mondiale. Folta anche la presenza dei Presidenti e dei Consiglieri addetti dei Club dello Skal International Italia, a cominciare dal presidente Toti Piscopo. Un gemellaggio per consolidare il rapporto di amicizia tra la Laguna e il Paese centroamericano ma che ha buttato solide basi per delle intese commerciali possibili tra Panama e Venezia e in generale l'Italia. Anche in vista dei festeggiamenti per il centenario dell'apertura del canale di Panama che si celebrerà nel 2014 con il raddoppio dello stesso canale.

Ed è stato con questo spirito che le delegazioni di Panama e della Spagna, ospiti del Club di Venezia, hanno avuto l'occasione di visitare i cantieri del Mose, la grande opera d'ingegneria idraulica made in italy. Un'opera che, per imponenza e creatività, costituisce oggi un grande attrattore e domani la barriera difensiva dall'alta marea a tutela e salvaguardia di Venezia e della Laguna. L'acqua tra l'altro è il tema scelto per la Giornata Mondiale del Turismo 2013 del 27 settembre dal titolo "Turismo e acqua: proteggere il nostro comune futuro" mentre il turismo accessibile sarà il tema della Giornata Europea del Turismo il prossimo 12 novembre.

E proprio con l'assessore Finozzi, è stato sottolineato come il segmento del turismo accessibile sia un tema caro allo Skal Italia, che a questo comparto, anche con il supporto del consigliere addetto Roberto Vitali, vuole continuare a dedicare un'attenzione particolare. "In tema di turismo accessibile - ha ricordato Ballarin - il Veneto è la regione guida in Italia".
"L'incontro - ha dichiarato Piscopo - è espressione della linea innovativa su cui punta questa Presidenza e di rinnovamento voluto dall'intero Consiglio Nazionale. Non più solo testimoni ma protagonisti del sistema turistico, inteso anche come modello produttivo di sviluppo sociale ed economico, portato avanti dagli associati per i nostri territori e di benessere economico per le nostre genti".
A margine del gemellaggio si è svolto il Consiglio Nazionale Skal Italia. Durante i lavori, all'Hotel Riviera Lido, i soci hanno deliberato il riposizionamento strategico dello Skal Italia nel panorama dell'incoming italiano con la costituzione di uno strumento operativo ad hoc, in grado di supportare la commercializzazione e le proposte turistiche, formulate dai Soci dei Club italiani. Infine, sono stati nominati i consiglieri addetti: Santino Mogavero per l'economia, Cristina Ambrosini per l'ecoturismo, Vincenzo Ciceraro per sviluppo e promozione; Mariantonia Calò, statuti e regolamenti; Livio Bordoni, formazione ed aggiornamento professionale

SKAL INTERNATIONAL ITALIA Fondata come associazione internazionale nel 1934, Skal è la più grande organizzazione di viaggi e turismo professionali nel mondo che abbraccia tutti i settori dell’industria dei viaggio e turismo. Ha sede in 5 continenti, 87 paesi e conta 22.000 membri fra albergatori e agenti di viaggio, compagnie aeree, giornalisti del turismo, accademici del turismo.
In Italia lo Skal iniziò la sua attività il 18 novembre 1942, con la costituzione del Club di Roma, 52° nel mondo. Oggi in Italia gli Skal Club sono 10 di cui fanno parte oltre 500 soci, tutti professionisti del turismo. La parola SKAL, di origine nordica, fu presa a simbolo del movimento perché i fondatori vollero ricordare l’atmosfera di cordialità e di amicizia con la quale furono accolti in un meeting organizzato in Scandinavia da alcune grandi compagnie aeree. S sta per SUNDHET (salute), K per KARLEK (amicizia), A per ALDER (lunga vita) e infine L per LYCKA (felicità).